Il tempo ritrovato. Il tempo perduto.

In quella linea che può sconfinare nell’office schooling: io da una parte della scrivania in cerca di una comfort zone per i pochi neuroni sopravvissuti al #coronavirus; mio figlio dall’altra a mitragliare ogni spazio di silenzio con tabelline e declinazioni del verbo “giocare”. O peggio ancora, nell’home working: io in cucina con una mano sul telefonino e l’altra in testa per fissare la deadline della mia pazienza; mio figlio davanti la tv in attesa di un toast carbonizzato che poi diventa un pranzo non consumato.
Aiuto: scuole chiuse e braccia aperte.
Cambia il bioritmo delle giornate. Lui nella mia confusione, io nel suo ordine. E viceversa. È l’era del “si salvi chi può”. A casa in quarantena. O in ufficio, ma in totale isolamento dalla concentrazione. E così l’agenda di una mamma lavoratrice, aspirante imprenditrice, si trasforma nel diario semiserio di un periodo da ricordare (nel bene e nel male). Il panico da epidemia s’intreccia alla paura del contagio da stress genitore-correlato. Tutto il resto è un equilibrio sopra la follia.
Scenario • Tata e nonni con la febbre. Doposcuola e palestre con i sigilli. Tutte le cartucce per le 24h esaurite. Compiti per casa a gogò. Dall’altra parte, media giornaliera di ore lavorate in due (mamma e papà): 20. No pause. No pranzo. No vie d’uscita. Mio figlio è buono come il pane, ma certo qualcosa da spalmargli sopra per insaporire le sue giornate devi pur sempre trovarla. E nel tuo archivio non c’è granché, escludendo videogiochi e youtube (max consentito 1 ora e mezza al giorno). Occorre rimodulare i pensieri. E le azioni.
Parental control • A 7 anni è obbligatorio, quasi come un radar che scannerizza ogni movimento (mio marito pensa che sono esagerata, ma per ora è cosi): e per noi che lavoriamo in autonomia non c’è ipotesi congedo, né misure straordinarie per arrivare a fine mese, se non porti a casa obiettivi e risultati. A lavorare si deve andare. Ma non resta che rimodularci. Rimaniamo in due: io e lui (sempre mio marito, #emenomalecheesiste), pronti allo switch veloce, tra una scadenza e l’altra, tra un appuntamento fuori porta e la porta di casa. Le telefonate “Amore come va/Amore tutto bene” diventano comunicazioni per la gestione turni del sistema di rilevazione presenza.
Viral calendar • Ore 7 di mattina di un giorno che come un altro non è, dove la parola #coronavirus rimbalza come una palla pazza tra tv, radio, telefonate, video, social. Già la dose di ansia ha oltrepassato la linea di alert; adesso tocca capire come si evolverà questa giornata, la seconda di una parentesi che può allargarsi a dismisura. Si va random, senza planning, senza software né gestionali: siamo bravi a fare i manager familiari quando tutto è scientificamente programmato. Ma in questi giorni si naviga a vista. Con le dita incrociate.
Imprevisti • Scappa a scuola entro le 12 a ritirare i libri mancanti, ché poi non c’è più tempo perché (com’è giusto che sia) scatta l’ora dell’igienizzazione delle aule. Compra la colazione, compra la merenda, compra il pranzo e anche la cena per i prossimi 10 giorni che se il supermercato si svuota per l’effetto psicosi è un delirio.
Allo scopo di contrastare e contenere • Le misure in materia di gestione dell’emergenza sono le più disparate e prevedono: trasformazione stampante aziendale in “piccolo gioco per piccoli stagisti”; compiti in autonomia con penna cancellina e aiutino da casa; conference call con cliente previa attivazione tasto “mute”; telefonino con cuffiette a fine giornata a mali estremi, tipo… “ho bisogno di 10 minuti di raccoglimento per scrivere questo articolo di 3.500 battute”.
Fino a nuove disposizioni • Sì, certo, questo è il lato più estenuante, ma poi alla fine ritrovarsi a essere mamma ai tempi del Covid-19 è un po’ come immaginare un altro destino: quello “sliding doors” che non ti si era mai presentato davanti e che ti fa cambiare prospettiva. Prendendo realmente coscienza di quanto è grigia la tua dimensione (quella del lavoro frenetico intendo, così logorante, così pressante), decantando invece quel ruolo di genitore che forse oggi è troppo sacrificato per la causa. Che sicuramente varrebbe la pena vivere appieno, senza il ritmo di una contemporaneità che si è fermata a mezz’aria. Ci voleva lo straordinario per riconquistare l’ordinario. E già penso a quando ricomincerà la scuola, e a quanto mi mancherà non averlo seduto accanto, mio figlio, nella scrivania di un presente condiviso in ogni istante.

Leave a comment

Privacy Preferences
Quando visiti il ​​nostro sito Web, è possibile che vengano memorizzate informazioni tramite il browser da servizi specifici, solitamente sotto forma di cookie. Qui puoi modificare le tue preferenze sulla privacy. Tieni presente che il blocco di alcuni tipi di cookie potrebbe influire sulla tua esperienza sul nostro sito Web e sui servizi che offriamo.